QUANTO TEMPO TI SERVE PER DIRE CHI SEI E COSA FAI?

Posso immaginare che, mentre leggi, risponderesti alla domanda: «Mi bastano pochi secondi per dire come mi chiamo e cosa faccio». Ok, e se aggiungessi la domanda: «E cosa puoi fare per me?».

Forse sembrerà strana quest’ultima domanda ma ti spiego perché non lo è.

Si racconta che negli anni ’90 Michael Caruso, un redattore della rivista Vanity Fair, stava continuamente tentando di farsi notare dalla redattrice capo e l’unico modo che alla fine escogitò fu quello di incontrarla durante brevi periodi liberi di tempo che aveva, come un giro in ascensore.

Quei pochi momenti di tempo in ascensore furono sfruttati da lui per farsi conoscere meglio e proporsi come un valido collaboratore.

Da questa trovata strategica in molti oggi, in America e non solo, suggeriscono di usare questa tattica e, ancor più, la insegnano.

La vediamo insieme? Eccola, si chiama elevator pitch (lett. passo dell’ascensore).

L’elevator pitchè una forma di comunicazione con cui ci si presenta, per motivi professionali, ad un’altra persona o organizzazione. Chi lo pronuncia descrivere sé e la propria attività sinteticamente, chiaramente ed efficacemente per convincere l’interlocutore ad investire su di lui, sulla sua professionalità. Tutto questo in un tempo limitato, appunto, quanto una corsa di ascensore.

L’elevator pitch si compone di 7 parti:

  1. Affermazione sorprendente o domanda, qualcosa che catturi l’attenzione.
  2. Chi sei: ovvero presentazione di se stessi.
  3. Esponi brevemente un problema o una necessità.
  4. Mostra una possibile soluzione.
  5. Dichiara un beneficio per chi ti ascolta.
  6. Perché tu o il tuo progetto è valido alla soluzione del problema.
  7. Invita l’altro all’azione.

Vediamo un esempio per i vari punti:

  1. “Il compito principale della vita di un uomo è dare alla luce se stesso” E. Fromm.
  2. Salve, siamo Maria Grazia Costantino e p. Antonio Girolamo Cassano, siamo life coach e aiutiamo le persone a crescere e a raggiungere ciò che desiderano, i loro obiettivi.
  3. Abbiamo notato da tempo che molte persone trovano difficoltà a riconoscere i loro talenti, le loro potenzialità e a raggiungere ciò che desiderano.
  4. Riteniamo importante dare loro la possibilità di crescere e realizzare i loro obiettivi e per questo organizziamo corsi di formazione a loro favore.
  5. Chi segue i nostri corsi è cresciuto molto, ha raggiunto gli obiettivi prefissati e desidera anzi andare più avanti come persona e professione.
  6. Perché seguire i nostri corsi? Perché sono professionali, perché vissuti in un clima di empatia e leggerezza, impegno, di eticità e tante altre cose…
  7. Dunque, perché aspettare ancora, perché ancora restare a desiderare, perché rimanere fermi? Ti aspettiamo!

Una risposta a "QUANTO TEMPO TI SERVE PER DIRE CHI SEI E COSA FAI?"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: