IL LATO OSCURO DELLA PNL

Dieci anni e più di PNL studiata e applicata e, a volte, noi dello staff ci siamo trovati davanti a persone che avevano nei confronti della PNL scetticismo, ritrosia se non aperto contrasto… e non possiamo dar loro torto, perché la PNL ha un lato oscuro.

Per chi è appassionato di GUERRE STELLARI  – io sono tra quelli 🙂 – saprà perfettamente cos’era in quella saga il lato oscuro o per meglio dire “il lato oscuro della Forza”: la Forza era intesa come una energia che avvolgeva tutte le cose e gli universi interi e che veniva conosciuta e usata sia dai cavalieri Jedi per il bene, sia dai signori dei Sith per il male, per il dominio, la sopraffazione, il potere. Questa analogia mi è venuta in mente pensando all’uso delle tecniche di PNL; per quale motivo?

La PNL nasce dall’intuizione e lavoro di John Grinder, linguista, e Richard Bandler, matematico che negli anni ’70 del secolo scorso, osservarono il lavoro di tre eccellenti psicoterapeuti: Milton Erickson, fondatore della ipnoterapia; Virginia Satir e la sua terapia della famiglia; Fritz Perls, fondatore della terapia della Gestalt. Dai loro esempi trassero delle tecniche che diffusero attraverso vari scritti per aiutare chiunque lo volesse a migliorarsi, come scrisse Bandler:

Quel che faccio è aiutare le persone a sviluppare la convinzione di essere persone splendide, perché quando cominciate a crederlo, cominciate anche a comportarvi di conseguenza: è allora che iniziate a raccogliere fantastici risultati”.

Per cui la PNL nasce in un ambiente quanto mai etico, quello della psicoterapia e con intenzioni etiche, come abbiamo appena letto dalla frase di uno due fondatori; allora da dove il lato oscuro della PNL?

Le tecniche di PNL diffuse attraverso gli scritti dei fondatori e di altri sviluppatori come Robert Dilts, incuriosirono prima e interessarono poi gli addetti ai lavori del mondo del marketing, che trovarono molto utile usarle per creare un buon rapport, una intesa proficua con il cliente al fine di persuaderlo ad acquistare il prodotto reclamizzato da quella azienda piuttosto che da un’altra. Da questo momento, da questo interesse le tecniche di PNL trovarono ampio spazio e applicazione nel commercio tanto da creare la credenza che PNL significa vendere.

L’equivoco che ne derivò fu la diffidenza generalizzata verso la PNL, per cui anche quando viene usata per aiutare le persone in modo etico, ossia nel rispetto dei loro valori, è facile imbattersi in sguardi di chi sospetta di essere manipolato; ecco, quindi, il lato oscuro.

La PNL come la Forza di GUERRE STELLARI è neutra, comprende varie tecniche, il loro risultato dipende dall’intenzione di chi le applica; usando una metafora, la PNL è come un coltello che può ferire una persona o, al contrario, tagliare per lei una fetta di pane perché la gusti.

Lo staff di questo blog ha sempre fatto uso della PNL in modo etico, così come l’ha imparata dalla Scuola di formazione olistica IKOS di Bari che forma dal 1987 e che, grati, salutiamo.

2 thoughts on “IL LATO OSCURO DELLA PNL

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: