TECNICA AVANZATA PER GUASTARE LE RELAZIONI

Può apparire strano un titolo del genere per un articolo di un blog che vuole essere motivazionale, e non certamente motivazionale nel rovinare relazioni, ma piuttosto per crearle e viverle pienamente. A questo punto, perché allora un titolo del genere? Lo scopriremo dopo una piccola storia:

Un uomo vuole appendere un quadro. Ha il chiodo, ma non il martello. Il vicino ne ha uno, così decide di andare da lui e farselo prestare. A questo punto gli sorge un dubbio: e se il mio vicino non me lo vuole prestare? Già ieri mi ha salutato appena. Forse aveva fretta, ma forse la fretta era soltanto il pretesto ed egli ce l’ha con me. E perché? Io non gli ho fatto nulla, è lui che si è messo in testa qualcosa. Se qualcuno mi chiedesse un utensile, io glielo darei subito. E perché lui no? Come può rifiutare al prossimo un così semplice piacere? Gente così rovina l’esistenza agli altri. E per giunta si immagina che io abbia bisogno di lui, solo perché possiede un martello. Adesso basta! E così si precipita di là, suona, il vicino apre, e prima ancora che questo abbia il tempo di dire “Buon giorno”, gli grida: “Si tenga pure il suo martello, villano!” (Paul Watzlawick, ISTRUZIONE PER RENDERSI INFELICI, Feltrinelli).

Che storia, vero? Comica ma forse è meglio dire tragica; sì, tragica, perché avviene realmente nella vita! Accade che in una relazione pensiamo di sapere cosa l’altro vuole o desidera, quasi gli leggessimo la mente, e gli attribuiamo pensieri, intenzioni che non hanno riscontro con la realtà, con ciò che realmente avrebbe voluto o desiderato l’altro.

Crediamo di sapere, come si suol dire “ci siamo fatti un film”, e se non siamo ben intenzionati, che può anche capitare, addossiamo all’altro pensieri o sentimenti non proprio nobili. A quel punto che succede nella relazione? La relazione viene distorta; le due persone non si comprendono perché la prima non accetta di vedersi attribuita pensieri e sentimenti che non prova e la seconda accusata l’altra di non essere sincera. Il rapporto si rompe o rischia di rompersi.

La pericolosità di questo atteggiamento di lettura della mente, così come viene chiamata in ambito della PNL, è palese. Vi è, però, un uso che facilita, anzi può addirittura incrementare il rapporto. Immaginate la relazione tra due persone in cui una attribuisce pensieri all’altra, ma sempre positivi, essi aiutano a farla stare meglio e sono sempre vaghi, non definiti, generalizzazioni, per dare all’altra persona solo un imput. Si dice qualcosa, di positivo, come se l’altro la stesse pensando, in modo da stimolarlo, da creare empatia. Vediamo alcuni esempi:

Certo, penserai che c’è sempre una via di uscita”.

In questa frase, ho presupposto che l’altro sta pensando che c’è sempre una via d’uscita. Cioè ho fatto una lettura della mente positiva, dell’altra persona, di un pensiero che magari non ha avuto ma che io esprimo per incoraggiarla, per dargli una visione positiva della situazione. Stesso intento anche per le seguenti frasi:

Credere di essere capaci, rende facile ogni cosa, non è così?”.

È facile pensare che essendo riuscito una volta, potrà accadere ancora”.

In conclusione, se proprio vogliamo “indovinare” i pensieri di una persona, indoviniamoli per il meglio, avremo così, di certo, migliori relazioni 😉

 

4 risposte a "TECNICA AVANZATA PER GUASTARE LE RELAZIONI"

Add yours

  1. A me è capitato, qualche volta, di “farmi un film” su una persona; sono stata influenzata dall’espressione del volto, sia in positivo che in negativo. Le casistiche sono numerose e svariate, ogni incontro…contatto con gli altri deve essere, secondo me, contestualizzato. Per quello che riguarda la mia esperienza diretta, i “films” che mi sono costruita su alcune persone sono stati confermati da riscontri sul loro modo di condurre le relazioni.

    Mi piace

  2. Sono d’accordo che per avere migliori relazioni ..il sorriso, la disponibilità, anche un saluto siano il modo migliore per creare “ponti”…

    Mi piace

  3. Sì, Rosa, siamo dei registi che producono spesso ‘film’, e siamo anche bravi per cui i nostri film, molte volte, hanno ‘successo’. Del resto, come abbiamo detto altrove, l’inconscio e la pancia ci guidano e ci danno indicazioni precise in vari contesti e situazioni. In positivo e in negativo, abbiamo avuto riscontri che hanno confermato o meno la sequenza della nostra pellicola ‘girata’ nella mente. Sta a noi optare per una lettura positiva della mente, se teniamo a instaurare una relazione con qualcuno e se ci fa bene quella relazione, o se dobbiamo comunque relazionarci con qualcuno. E allora, il sorriso, la disponibilità, un saluto, la cortesia, sì che aiutano a creare ‘ponti’ e a guardare, da sopra al ponte, il paesaggio sottostante. Sarà, di certo, una bella vista 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: